Comunità alloggio - Comunità Terapeutica Villa Bona
image1 image2 image3

Villa Bona

Villa Bona è una comunità alloggio socio-riabilitativa ad elevata intensità socio-sanitaria (H24) situata ad Ardea (Roma). Obiettivi principali della comunità terapeutica sono la cura della propria persona, la promozione e la tutela dei processi di partecipazione sociale e il reinserimento lavorativo degli ospiti presenti nella villa. Al fine di perseguire gli obiettivi citati, nella comunità terapeutica si svolgono colloqui di sostegno psicologico con personale medico qualificato, attività motorie, corsi, incontri di supporto con i familiari e attività di cineforum.

Psicologia online: Troppe ore in ufficio aumentano il rischio depressione

Passare 11 ore o più in ufficio raddoppia il rischio di depressione

tratto dal Corriere.it

MILANO - Workaholic niente affatto pentiti, meglio che prendiate nota: uno studio anglofinlandese condotto su più di 2mila impiegati governativi inglesi fra i 35 e i 55 anni e pubblicato su PLoS ONE ha infatti scoperto che passare oltre 11 ore al giorno – ovvero più di 55 alla settimana – fra le scartoffie dell’ufficio aumenta di due volte e mezzo il rischio di cadere in depressione, mentre chi segue ritmi di lavoro più regolari (in altre parole, sta alla scrivania le 7 o 8 ore contrattuali) vive senz’altro meglio, a tutto vantaggio dell’umore. E i più colpiti dal mood negativo sono risultati i giovani (spinti a lavorare di più per soddisfare le esigenze familiari e finanziarie), le donne (da sempre colpite dalla sindrome del “come faccio a fare tutto?”) e chi guadagna poco (perché vuole comprensibilmente aumentare le entrate). Fanno eccezione, invece, gli stakanovisti maschi con stipendi elevati e lavori impegnativi, che sembrano essere immuni dal pericolo, visto il numero relativamente basso di episodi depressivi registrati nello studio, che ha avuto un follow-up di sei anni. LAVORO E UMORE - Va rilevato che all’inizio della ricerca tutti coloro che vi hanno preso parte erano sani e non presentavano particolari fattori di rischio legati alla depressione: ragion per cui la correlazione fra sovraccarico di lavoro e umore pessimo, tendente alla depressione, è stata lampante. E proprio la durata standardizzata del super lavoro ha reso questa ricerca assai più accurata ed affidabile rispetto alle precedenti, lasciando così pochi dubbi sulle conclusioni. «Sebbene lavorare di più possa aver occasionalmente apportato a dei benefici individuali e sociali – ha commentato la dottoressa Marianna Virtanen del “Finnish Institute of Occupational Health” di Helsinki – è altrettanto importante riconoscere che lavorare per troppe ore al giorno espone ad un rischio maggiore di depressione». Una tesi condivisa anche dal co-autore dello studio, il professor Stephen Stansfeld della “Queen Mary University of London”, che al “Daily Mail” ha sottolineato come «fare spesso gli straordinari possa rendere le persone meno efficienti, con ripercussioni negative in termini di stress e preoccupazioni sulla loro stessa vita al di fuori dell’ufficio».

Psicologia. Via l'ansia con un'app. Arriva l'analista tascabile

tratto dal sito dell'Ansa

(ANSA) - ROMA, 14 FEB - Dalla psicoterapia alla App-terapia e' il salto che si sta per compiere, secondo alcuni psicologi, per chi soffre di disturbi d'ansia. Presto, i sintomi potranno essere dissolti grazie ad un'applicazione scaricata sul proprio cellulare. L'innovazione terapeutica ha incassato un primo risultato confortante da uno studio su 338 persone dell'universita' di Harvard che ha realizzato un'applicazione capace di dirottare l'attenzione dei volontari da sensazioni sgradevoli verso situazioni piacevoli o neutre.

Sul display appaiono due volti, uno con un'espressione ostile, un altro con una neutra che restano visibili per pochi secondi poi appare una lettera da identificare e il volontario preme un tasto per proseguire. L'intento non e' quello di misurare la capacita' di indovinare la lettera ma quello di distogliere lo sguardo dal volto ostile. Secondo i ricercatori, in questo modo si possono 'addestrare' gli occhi e le aree frontali del cervello a guardare altrove, rispetto alle fonti che generano ansia. Dopo una sessione completa di questo esercizio che dura 30 minuti per due volte alla settimana, per 4-6 settimane, gli scienziati hanno affermato di aver ottenuto un risultato pari a quello di una psicoterapia tradizionale.

Questa soluzione mira ad aiutare le persone con disturbi d'ansia lievi e puo' essere molto efficace proprio per il fatto che e' sempre a disposizione. Prima di un colloquio di lavoro, di un esame o di una decisione importante, lo psicologo tascabile e' pronto a sciogliere l'ansia. (ANSA).